martedì 26 giugno 2012

Recensione: Anna vestita di Sangue di Kendare Blake

Buongiorno ragazzi, ho finito di leggere questo strepitoso libro proprio ieri sera. 
Ringrazio la Newton Compton per avermi mandato il romanzo con così largo anticipo e per avermi permesso di leggerlo in super anteprima.
Infatti "Anna vestita di Sangue" uscirà nelle nostre librerie il 28 giugno, al prezzo di 12,90 €.
Non voglio perdere altro tempo, ho bisogno e tremenda voglia di parlarvi di questo gioiellino.

Trama:
Suo padre lo faceva prima di essere ucciso dal fantasma che stava cercando di annientare. E ora Cas, armato del misterioso pugnale athame, continua la missione: viaggia di città in città insieme alla madre, una strega, e al suo gatto fiuta-fantasmi, alla ricerca di spiriti malvagi. Quando arrivano a Thunder Bay per eliminare quella che la gente del posto chiama “Anna vestita di sangue”, Cas non si aspetta nulla di diverso dal solito. Si trova invece di fronte a una ragazzina posseduta dalla rabbia e vittima di maledizioni, uno spirito diverso da quelli che è abituato a distruggere. Indossa ancora il vestito che aveva quando fu assassinata, nel 1958. Dal giorno della sua morte, Anna uccide chiunque osi entrare nella dimora vittoriana vecchia e cadente in cui un tempo viveva. Gli spiriti delle sue vittime penetrano il legno marcio delle pareti, strisciano sul pavimento ammuffito e viscido delle cantine, senza trovare pace… Per qualche strano motivo però, Anna non uccide Cas. Anzi, si rivela l’unica in grado di aiutarlo a trovare il fantasma maligno che lo ha privato del padre. Così, insieme agli altri strani amici del giovane, streghe e stregoni in erba, formeranno una squadra disposta ad affrontare ogni pericolo. Ma Cas dovrà risolvere un problema ancora più difficile di questo: quale sarà infatti il destino di Anna?


Il mio pensiero:
Quando feci l’anteprima di questo libro tempo fa, me ne innamorai subito. Rimasi incantata dalla copertina, ma soprattutto dalla trama, che mi sembrava così particolare e diversa dal solito.
Ed ora, dopo un giorno di lettura intensa posso dire con fermezza che questo libro è perfetto.
Forse sono esagerata, direte voi… Sì, forse è vero, ma quando sulla tua strada incontri un libro capace di emozionarti e rapirti completamente dal mondo reale, allora è vero amore. E per me è stato così con “Anna vestita di Sangue”.

Un libro cupo che a tratti potrebbe sembrare macabro (non per me), un horror avvincente, la suspance si taglia con il coltello; questo libro parla di morte, di sangue e di amore. Amore per la morte, passione per essa.
Grazie alla scrittura forte e senza fronzoli dell’autrice riusciamo ad entrare subito nell’atmosfera giusta, riusciamo a godere a pieno delle emozioni e delle situazioni che si svolgono fra le pagine.

Il protagonista del libro è Cas, un diciassettenne che dopo aver perso il padre, eredita da lui la fantastica dote di uccidere i morti. Non tutti quelli che muoiono abbandonano il mondo terrestre, quelli che uccide Cas si divertono ad ammazzare persone in continuazione.
Tutto va secondo i piani, fino a quando non incontra Anna Korlov, questa ragazza ammazzata brutalmente che nasconde tanti segreti e tante novità per il nostro protagonista.
Le cose continuano a cambiare radicalmente quando incontrerà Thomas, un ragazzino un po’ nerd, che si rivela essere coraggioso e fonte inesauribile di novità e Carmel, la tipica reginetta della scuola che Cas adocchia subito per poter arrivare ad Anna.

Finalmente abbiamo in un romanzo young adult una voce narrante maschile, che si fa apprezzare per la sua schiettezza e strafottenza, vuole tenersi a debita distanza dai contatti con i “vivi”, perché non vuole far soffrire le persone e lui stesso a causa dei suoi continui viaggi a caccia di fantasmi. Il suo rapporto con la morte è molto più radicato e complesso, vive di morte, la ama; ed è proprio questo che secondo me, rende il romanzo brillante e originale.
Quello che l’autrice è riuscita a raccontare è pazzesco, ma allo stesso tempo mentre leggi quelle pagine ti ritrovi completamente a tuo agio in mezzo ai morti e ai fantasmi.
Non mancano i sorrisi, grazie ai personaggi così diversi, ma non mancano nemmeno i salti sulle sedie o gli occhi che vagano veloci sperando che le cose vadano come vuoi tu.
Insomma è un romanzo che mette curiosità fin dalle prime pagine, inizi a chiederti “Cosa succederà a Cas?” e “Cosa deciderà di fare?” e questa sarà la condanna di noi lettori, perché non riusciremo più a fermarci. Le pagine scorreranno veloci (troppo veloci) e ci ritroveremo a leggere l’epilogo con il cuore in gola.

Il finale promette qualcosa di buono e qualcosa no. “Anna vestita di Sangue” è il primo volume di una serie (per ora composta solo da due libri), ed ecco perché spero che nel prossimo libro verranno approfonditi meglio certi aspetti di alcuni personaggi; perché se impariamo a conoscere Cas come fosse un nostro fratello, non succede altrettanto con Thomas o con Anna. E con questo non voglio dire che sia un difetto, anzi; è stato meraviglioso poter scavare così a fondo nel protagonista, come se lo avessi conosciuto da sempre, ma allo stesso modo vorrei poter conoscere meglio quei personaggi che mi hanno trasmesso tanto.

Concludo consigliando questo romanzo a quelle persone che non si impressionano e non si “schifano” facilmente, qui non ci sono limiti all’immaginazione. L’autrice è cruda e spudorata, non lascia niente al caso e non si fa problemi a raccontare nei minimi particolari certe scene.
Vorrei consigliarlo e poterlo far apprezzare a più persone possibile, perché è un romanzo che merita attenzione per la sua originalità e per la sua particolarità. Vi lascerà a bocca aperta, ma sono sicura che vi strapperà qualche battito cardiaco, sia per la paura, sia per l’amore e i sentimenti che si provano durante la lettura.


Questa volta non posso fare la mia solita domanda su quale cover preferite, perché la Newton Compton ha praticamente mantenuto la cover originale, ed è stata una scelta perfetta, perché la cover è splendida e fa subito innamorare il lettore.

7 commenti:

  1. Bellissima recensione. Io ho veramente adorato i personaggi! Non vedo l'ora di ritrovarli nel prossimo romanzo dell'autrice. Sono curioso e spero che quelle piccole sbavature che non ho tanto apprezzato possano essere cancellate via grazie a un plot ancora migliore ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mik, grazie. I personaggi sono meravigliosi e spero anch'io di poterli ritrovare e amare sempre di più.

      Elimina
  2. Ne parlate così bene e la trama m'incuriosisce molto che non posso fare altro che comprarlo e leggerlo anch'io! bella recensione grazie del consiglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Micht, davvero questo libro è da leggere, non può mancare nelle librerie. Dunque che lo consiglio con il cuore :)

      Elimina
    2. l'ho messo nella mia lista dei desideri. non so quando lo prenderò e leggerò visto che ho tanti libri da leggere

      Elimina
    3. Beh, già averlo messo nella Wish è un passo avanti, c'è tempo. Anna vestita di sangue non fugge, ti aspetterà xD

      Elimina
  3. Veramente un bellissimo libro! Mi è piaciuto molto come l'hai definito: un libro di morte, di sangue e di amore. Amore per la morte, passione per essa....è il modo migliore per descriverlo! ^^

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥