lunedì 16 luglio 2012

Recensione: Wicked di Jessica Spotswood

Buonsalve miei cari, ci sono giorni (come questo) in cui posso dedicarmi al mio angolino felice solo alla sera, ma spero che questa non diminuisca la vostra attenzione, anzi magari vi occupi qualche minuto di piacevole lettura.

Stasera vi parlo di un libro che ho finito di leggere giorni fa, ma per cui ho deciso di aspettare a postare la recensione.
Si tratta di Wicked, i segreti delle sorelle Cahill, di Jessica Spotswood, pubblicato il 12 giugno dalla casa editrice Sperling & Kupfer, al prezzo di 16,90 €


Trama:
Mi chiamo Cate Cahill, ho sedici anni e sono una strega. Avete capito bene, una strega. E, se la Confraternita scoprisse il mio segreto, rischierei la prigione - o il rogo. Non è facile vivere nell'ombra, ma ho imparato a cavarmela. Molto meglio di Maura e Tess, le mie sorelle minori. Per questo, prima che la mamma morisse, ho promesso di proteggerle, a qualunque costo. Sono pronta a tutto pur di mantenere la parola data, anche a sacrificare il mio futuro e sposare un uomo che non amo. Voglio solo che le mie sorelle crescano tranquille, al riparo da sguardi indiscreti. Qualche giorno fa, però, ho trovato il diario della mamma.
Non avrei dovuto leggerlo, lo so, ma non ho saputo resistere alla tentazione di curiosare nel suo passato. Mi sono nascosta in camera mia e ho iniziato a sfogliare le pagine fitte di appunti, ricordi, confidenze. Ho scoperto così che un'antica profezia incombe sulla nostra famiglia. Una profezia che potrebbe cambiare il corso della Storia, e della nostra vita. Inizio a temere per me, e per le mie sorelle, e non so a chi chiedere aiuto. Solo Finn, il figlio della libraia del paese, sembra capirmi. Lui sa tutto di magia e di stregoneria.
E poi sa tutto di me. Finn mi ha presa per mano e mi ha trascinata in un mondo affascinante e pericoloso, un mondo che mia madre mi ha tenuto nascosto per troppo tempo. Credo di essermi innamorata di Finn nell'esatto istante in cui ho iniziato a leggere i libri proibiti e ho compreso il vero significato della profezia.
Il nostro destino è già stato scritto e non è in mio potere cambiarlo. Io, Maura e Tess non possiamo più fidarci di nessuno. Nemmeno l'una dell'altra.

Il mio pensiero:
Ho sempre avuto una grande curiosità verso questo romanzo, in primis per la cover che è splendida e poi la trama… Ho sempre amato le storie sulle streghe, ecco come mi sono avvicinata a Wicked, sperando mi lasciasse quell’alone di magia che tanto mi fa brillare gli occhi.
Non posso dire che non sia stato così. Ho letto il libro in un paio di giorni e l’ho trovato carino, una lettura leggera, adatta a quest’estate così calda.

La storia racconta di Cate e delle sue sorelle, abbandonate prematuramente dalla madre, si ritrovano a vivere da sole con i loro poteri di streghe, senza grandi conoscenze e con il dovere di mantenere il segreto, vivono una vita quasi segregate in casa e molto solitaria.
Cate, la sorella maggiore ha promesso alla madre di proteggere le sorelle e così cerca di fare da quando la madre è morta, ma non sempre le cose sono semplici e con l’avvicinamento dei 17 anni per lei, le cose si complicano ancora di più. Dovrà infatti decidere se entrare nella Sorellanza o se sposarsi. La scelta non è semplice, soprattutto con le pressioni che fanno i Fratelli della Confraternita, Cate vuole solo fare scelte che non mettano in pericolo le sue sorelle, farebbe di tutto per proteggerle.
Poi arriva Elena, una Sorella mandata da loro per aiutarle nel loro percorso di crescita, ma Cate non riesce a fidarsi di lei e si verranno a scoprire tanti segreti tenuti nascosti.
Ed infine ci sono Paul e Finn, due ragazzi completamente diversi che si affacciano nella vita di Cate e la scombussolano completamente.

Ed ecco raccontata molto brevemente la trama di Wicked.
L’autrice ha una scrittura semplice e molto scorrevole, non ci sono intoppi nella lettura e questo può solo giovare ad un romanzo.
Ma nonostante questo, ogni tanto perdevo interesse nella lettura, perché è capitato che la magia, la stregoneria e tutta la trama, venisse messa da parte per lasciare posto alla depressione di Cate ed ai suoi dubbi, che sono sicuramente normali, ma che spesso appesantiscono la scorrevolezza del romanzo, prendono troppo posto e ripetono troppo spesso le stesse domande.
E’ vero che ci vuole un po’ di mistero, ma dopo un po’ si prova una leggera noia a leggere gli stessi dubbi per metà del libro, senza avere mai grossi cambiamenti nelle scelte di Cate.

A parte questo il romanzo mi è piaciuto, la storia è interessante ed originale, soprattutto la figura della Sorellanza.
Il libro non ha molte descrizioni del luogo dove si svolge, ma questo viene messo da parte grazie alle bellissime descrizioni fisiche e caratteriali dei personaggi.
Cate, la protagonista è un bel personaggio, mi è piaciuto molto, a parte quando si strugge nei suoi dubbi, ma la sorella che ho preferito è stata la piccola Tess, così frizzante, intelligente e gentile.
Ma veniamo ai maschi. Fisicamente ci si potrebbe innamorare subito di Paul, avvenente e sicuro di se (forse un po’ troppo), ma il carattere di Finn mi ha rapito e mi sono follemente innamorata di lui.

Non ho molto altro da aggiungere su questo romanzo, fa parte di una serie, composta per ora solo da due libri, infatti il finale è aperto e anzi mi ha lasciato a bocca spalancata. In realtà gli ultimi due capitoli sono un evolversi di tutte le situazioni, così veloce (forse un po' troppo veloce), che mi ha lasciata di stucco. Il finale non è dei migliori, ma è riuscito ad incuriosirmi per leggere il secondo capitolo della serie (che uscirà sempre per la Sperling & Kupfer nel 2013). Sono curiosa di sapere cosa succederà a Cate e alle sue sorelle, cosa farà la Sorellanza e la Confraternita e cosa farà Finn. Insomma tante domande che spero avranno risposta nel prossimo libro.

Consiglio il romanzo a chi ama i romanzi fantasy e romance, a chi ha voglia di una lettura leggera per quest’estate, ma che lascia tanta curiosità per il seguito.

Questa volta non posso sottoporvi la mia domanda di rito sulla copertina del libro, perchè con grande gioia la casa editrice ha mantenuto la cover originale. Ma voglio comunque sapere come la trovate? Vi piace?
A me piacciono moltissimo i colori, la semplicità e questa naturalezza della foto.

Nessun commento:

Posta un commento

Lasciate un segno del vostro passaggio, sono sempre felice di leggere e rispondervi ♥