venerdì 7 agosto 2015

Pausa maternità!

Ebbene sì, è arrivato il momento!
Come molti di voi sapranno, sono incinta e ormai sono alla fine della gravidanza. Il termine è stato dato per il 24 agosto, ma sono mesi che io sono convinta di partorire prima e i segnali che mi sta mandando il mio corpo fanno intendere proprio questo. Volevo aspettare un altro po' per fare questo post, ma non voglio rischiare di trovarmi senza la possibilità di farlo.

Ho deciso di mettere il blog in pausa a tempo indeterminato, perché sicuramente il nuovo arrivato, che si chiama Davide, mi porterà via un bel po' di tempo, poi quando riprenderò anche il lavoro i miei ritmi cambieranno, le mie pause anche e il mio tempo libero sarà molto limitato. Non ho intenzione di abbandonare il blog per sempre, ma non posso assolutamente dirvi quando tornerò e non so nemmeno se tornerò attiva tanto quanto prima. Può anche essere che deciderò di pubblicare solo recensioni ogni tanto, lasciando perdere tutto il resto, oppure può essere che troverò il modo di continuare ad occuparmi di questo mio angolino...
Tutto quello che posso dirvi per ora è che non vedo l'ora di diventare mamma a tutti gli effetti per la seconda volta e che il blog non verrà abbandonato per sempre.

Credo di non poter aggiungere molto altro, dopo questo post, nella home del blog comparirà un mega-bannerone che mi sono fatta fare dalla mia dolce Denise, che annuncia a tutti che il blog è chiuso proprio per maternità.
Per chi volesse continuare a seguirmi credo che, passate le prime settimane, continuerò ad aggiornare con i miei tempi, il mio profilo Goodreads e quello Facebook, proprio perché mi portano via meno tempo, se volete possiamo sentirci tramite questi due social network, qui sotto vi lascio i link a Goodreads, alla pagina facebook e al mio profilo personale di facebook.
Ed ora posso solo dirvi grazie del sostegno e dell'affetto e arrivederci al prima possibile!



Fonte per l'immagine

lunedì 3 agosto 2015

Lega dei Lettori: ringraziamenti e regali

Buondì ragazzi, come vi avevo promesso eccomi con il post finale e di chiusura della Lega dei Lettori.
Vi avviso che non so quanto mi dilungherò, dipende il mio cuoricino cosa mi suggerirà di fare mentre scrivo :)
Ho iniziato questo progetto con tanti dubbi, ero esaltata ma non ci speravo troppo sulla sua riuscita. Già il fatto che non sono riuscita ad organizzarmi in tempo per farlo iniziare all'inizio dell'anno, era una cosa che mi infastidiva, ma ho pensato dentro di me che avrei potuto provare comunque e al massimo ci avrei fatto una brutta figura e avrei avuto un'iniziativa senza partecipanti...
Per fortuna il riscontro da parte vostra è stato buonissimo, con il primo post le iscrizioni sono state tantissime, quasi una sessantina, peccato che di questi 60 in realtà i partecipanti reali sono stati un po' pochini, cioè con un riscontro del genere con il primo post mi aspettavo qualcosa di più, ma non posso assolutamente ritenermi delusa, anzi...
E' stato bello vedere come votavate nei sondaggi, come alcuni di voi leggevano il libro subito ed altri arrivavano al pelo proprio...ma la cosa più bella, almeno per come la vedo io, è stato comprendere quanto un libro può trasmettere cose simili e allo stesso tempo farci provare sensazioni diverse. Leggere i vostri pareri liberi, cioè non condizionati dagli altri, e rendermi conto che alcune volte erano quasi identici, ed altre erano così diversi che sembrava impossibile associarli allo stesso libro, mi ha fatto comprendere ancora di più quanto la lettura è personale e quanto può entrare nelle nostre vite cambiandole.
Questo dovrebbe essere un post di ringraziamento e di arrivederci spero, perché sì, mi piacerebbe rifare questa bella esperienza della Lega, insieme a voi, magari quando mi sarò ripresa un po' dal parto e quando il piccolo pargolo inizierà a non occupare ogni singolo minuto della mia vita :) Chissà, magari potrebbe venirmi qualche buona idea per rendere l'iniziativa interessante per più persone...l'unica cosa che sono certa non ci sarà nella prossima edizione della Lega è il giveaway finale, perché mi sono rotta le scatole di vedere gente che partecipa ad iniziative solo per avere la possibilità di avere qualcosa gratis. La lettura dovrebbe essere libera e incodizionata ed io non voglio che la mia Lega sia condizionata da un giveaway. Spero questo discorso potrete comprenderlo e condividerlo.
Ovviamente il GA che vi ho promesso ad inizio Lega ci sarà, ma non aspettatevi post da condividere, punti in più o chissà cos'altro, ma tra pochissimo capirete cosa intendo :)

sabato 1 agosto 2015

Readings Recap #11

Buongiorno, buon sabato e buon inizio mese di agosto miei cari lettori :)
Non avete idea di quanto mi dispiace vedere il blog così poco attivo da parte mia e poco frequentato da parte vostra, ma mi sa che dovrò farci l'abitudine ed iniziare a entrare nell'ottica che Facebook e Goodreads saranno più facilmente aggiornabili da parte mia dalle prossime settimane fino a data da decidere :) Credo ci metterò un po' a mettermi l'anima in pace, ma spero in qualche modo di ritrovare sempre qualcuno qui che ha voglia di leggere le mie chiacchiere librose e non :)
Oggi ho veramente un sacco di libri di cui parlarvi, infatti l'ultimo recap delle letture risale al 24 giugno °___° devo parlarvi di ben 6 libri e se non avessi pubblicato alcune recensioni sarebbero stati ben 10 (AIUTO °_°), dunque bando alle ciancie direi proprio che è il caso di iniziare xD
Rubrica a cadenza casuale inventata da me, dove parlo brevemente delle ultime letture portate a termine.

La casa dei cani fantasma di Allan Stratton
★★★½
Un libro molto dark, una specie di thriller per ragazzini, in cui il protagonista si fa amare moltissimo grazie al suo modo di fare così umano e reale. Tanti piccoli misteri che vengono portati avanti in maniera impeccabile, piccoli colpi di scena che lasciano il lettore a bocca aperta. Ho apprezzato più di tutto il modo in cui l'autore porta il lettore, insieme al protagonista, a dubitare della sua sanità mentale. Nonostante tutto però non è uno di quei libri memorabili, anche se molto carino, godibilissimo, semplice e coinvolgente.
Graceling di Kristin Cashore
★★★★
Non ho la più pallida idea del perché, ma da Graceling mi aspettavo qualcosa di totalmente diverso, partendo dall'ambientazione... Beh, le sorprese sono state molto gradite e ci ho messo davvero poco ad entrare nella storia e sentirmi coinvolta. Ho apprezzato molto la protagonista coraggiosa ma non esagerata, molto più realistica di tanti altri personaggi fantasy. Ho amato molto le ambientazioni che riuscivo ad immaginare nella mia mente in modo molto vivido ed ho amato tantissimo la storia in sé e la struttura di tutto il libro. Sicuramente continuerò la serie sperando non mi deluderà.
I misteri di Chalk Hill di Susanne Goga
★★★★
Ammetto di essere rimasta piacevolmente colpita dagli argomenti trattati. L'ambientazione è splendida, mi sono sentita catapultata in quei tempi e luoghi senza possibilità di scampo. Ho apprezzato moltissimo i personaggi, come si rapportano tra di loro e il modo in cui si incastrano bene nella storia. Gli intrighi e i misteri la fanno da padroni e nonostante tutta la trama sia abbastanza semplice (a tratti banale), per me è stato un piacere arrivare alla fine e comprendere tutti i misteri, le menzogne e i segreti celati.
Coraline di Neil Gaiman
★★★★
Gaiman per me è sinonimo di garanzia, anche se ammetto che questo tra i suoi è il libro che finora mi è piaciuto meno. La storia è riuscita a trasportarmi, l'ho vissuta in modo ricco e intenso, ma non mi ha convinto del tutto, non so di preciso il perché forse è semplicemente una cosa mia personale. E' indubbio quanto Gaiman sia fantasioso e a tratti visionario, quanto sia personale e unico nel suo stile e nelle sue storie. Una storia di fantasia, con elementi fantastici, surreali, ma con una base molto solida e potente in grado di emozionare e far riflettere e di dare piccoli insegnamenti ai più giovani lettori.
L'amuleto d'ambra di Diana Gabaldon
★★★★
La parte storica è sempre molto elaborata e ben studiata, tanto che in alcuni punti la noia sembrava affacciarsi tra le mie sensazioni. Per fortuna sono rimasta così affascinata dal cambio repentino di ambientazione e dall'evolversi del rapporto tra Jamie e Claire, che la noia non si è mai impossessata di me. Ho amato l'ambientazione francesce in rapporto a quella scozzese del primo volume, è stato splendido vedere come Jamie e Claire si uniscono sempre più e come si rapportano con i cambiamenti. Nel complesso la Gabaldon è una grandissima narratrice, che è riuscita a creare due personaggi così meravigliosi e ben bilanciati che è puro piacere leggere le loro "avventure".
La morte avrà i tuoi occhi di Josh Malerman
★★★
Avevo aspettative alte, ma non esorbitanti e purtroppo sono rimasta parzialmente delusa. Ho trovato l'idea di base geniale e originale, purtroppo credo sia stata strutturata in modo troppo vago e freddo, almeno secondo me. Ho sentito la tensione psicologica, l'ansia e il "terrore del non sapere", ma non li ho vissuti in modo così intenso e continuo come mi aspettavo. Ho avuto momenti in cui mi sono sentita presissima, soprattutto nelle prime 100 pagine circa, poi piano piano è stato un degenerare totale, fino ad arrivare alla fine che mi ha lasciato indifferente e delusa. Credo che l'autore avrebbe potuto ottenere molto molto di più dalle sue idee e dai suoi personaggi.

giovedì 30 luglio 2015

Shopping Books #16

Buon pomeriggio lettori, sono esattamente 4 giorni che non ci "leggiamo", infatti a breve ho deciso che lascerò un post di saluti sul blog, perché ormai non riesco proprio a starci con la testa. Non mi sento costretta a pubblicare, perché altrimenti avrei mantenuto un ritmo di pubblicazione più elevato, ma nonostante questo noto che faccio proprio fatica a stare seduta davanti al pc: mi si incricca la schiena quasi subito, mi si gonfiano le gambe e caviglie in modo abominevole e dopo un po' anche la panciona inizia ad essere pesante e ingombrante...così mi sento proprio impedita e piuttosto preferisco mantenere i contatti con voi tramite facebook. Di tutto questo parleremo comunque la settimana prossima, ora sono qui per presentarvi gli ultimi miei acquisti...in poche parole mi sono fatta un piccolo regalino perché d'ora in avanti, per un po' di mesi, non credo riuscirò a fare shopping di libri :)
Rubrica a cadenza casuale inventata da me, dove vi presento tutti i nuovi arrivi suoi miei scaffali.


Come vedete sono stata una brava bambina, non ho fatto acquisti spropositati...anche perché non me lo potevo permettere xD
Sono tre libri che desideravo da morire e approfittando di un pochino di soldini sulla postepay, ho deciso di entrare sul sito di Amazon, spulciare la mia wishlist intitolata "MostWanted" e provare a sfoltirla un po'. Così, a parte Il ritorno che era un'aggiunta recentissima in quanto ho appena finito di leggere il volume precedente, gli altri due libri erano in wishlist da un bel po', soprattutto il libro della Mead. Vorrei leggerli entro i prossimi mesi, ma dopo l'arrivo del pargolo è tutta un'incognita che scopriremo solo vivendo xD

domenica 26 luglio 2015

Lega dei Lettori: WONDER di R.J. Palacio

Ebbene sì, siamo arrivati alla fine...la nostra ultima lettura per la Lega. L'ultimo mega-post con i nostri pensieri. Sono felicissima che questo mese abbiate partecipato in tanti, perché mi sembra quasi un saluto alla mia, alla nostra Lega. Per i sentimentalismi ci sarà spazio nel post che pubblicherò tra qualche giorno, quello dedicato ai saluti, ringraziamenti e al tanto atteso giveaway; ora è il momento di lasciare spazio alla lettura che ci ha visto impegnati nel mese di luglio. WONDER di R.J. Palacio, libro intenso che tratta un argomento forte e importante e che in moltissimi abbiamo apprezzato e vedrete in molti abbiamo avuto la stessa idea senza ovviamente confrontarci prima. Nella parte dedicata alle citazioni ho deciso di dare un piccolo spazio speciale ad alcune citazioni in particolare, poi capirete e vedrete cosa intendo :)


È la storia di Auggie, nato con una tremenda deformazione facciale, che, dopo anni passati protetto dalla sua famiglia per la prima volta affronta il mondo della scuola. Come sarà accettato dai compagni? Dagli insegnanti? Chi si siederà di fianco a lui nella mensa? Chi lo guarderà dritto negli occhi? E chi lo scruterà di nascosto facendo battute? Chi farà di tutto per non essere seduto vicino a lui? Chi sarà suo amico? Un protagonista sfortunato ma tenace, una famiglia meravigliosa, degli amici veri aiuteranno Augustus durante l'anno scolastico che finirà in modo trionfante per lui. Il racconto di un bambino che trova il suo ruolo nel mondo. Il libro è diviso in otto parti, ciascuna raccontata da un personaggio e introdotta da una canzone (o da una citazione) che gli fa da sfondo e da colonna sonora, creando una polifonia di suoni, sentimenti ed emozioni.




I nostri pensieri

Fluky Roads
★★★½
Da questo libro mi aspettavo o una storia commovente e toccante o una storia tiepida dove alla fine tutti sono felici. Fa parte della seconda categoria. August ha una rarissima malattia genetica che gli ha causato una "deformazione" al viso; nonostante si faccia riferimento a episodi spiacevoli di discriminazione, non mi hanno coinvolto e nella maggior parte dei casi si trattava di semplici sguardi sfuggenti. Praticamente subito trova due amici fidati, e anche se con uno ha avuto un litigio, risolvono subito e alla fine del libro si è conquistato tutta la scuola dopo un singolo episodio di bullismo, tanto da ricevere una medaglia d'onore...possibile? Mi aspettavo una crescita interiore da parte del protagonista (anche se si tratta solo di un undicenne) che dopo una serie di brutte esperienze riuscisse ad andare oltre e poi cambiare il modo in cui gli altri lo vedono. Invece si è limitato a comportarsi come sempre e per questo ha vinto una medaglia, August stesso lo afferma nel libro. Mi è sembrato tutto troppo semplice e per questo irreale. Ad aumentare questa sensazione sono stati i genitori di August troppo perfetti, mi sarebbe piaciuto un capitolo dal loro punto di vista per vedere come si sentono, le loro preoccupazioni. Il personaggio meglio riuscito è senz'altro la sorella Olivia, è stata l'unica ad avere dei sentimenti contrastanti verso il fratello in alcune situazioni, come mi sembra normale che sia. Penso che Wonder sia rivolto a un pubblico più giovane, la storia non mi è dispiaciuta ma volevo qualcosa di più forte.

Laura
★★★★
Ho adorato questo libro. La sua dolcezza, la sua semplicità, i messaggi che trasmette al lettore.
La parte di August è molto commovente, riesce a miscelare simpatia e sarcasmo con la realtà dura e tremenda di questo ragazzino. Ma la parte migliore secondo me è quella narrata dal punto di vista degli altri personaggi. Tutti hanno qualcosa da dire, tutti nonostante le apparenze soffrono e insieme ad August crescono. All'inizio tu ti fai un'idea degli altri, che è quella che si è fatto August, ma poi li conosci direttamente e tutto cambia.
E' un libro che dovrebbero far leggere in tutte le scuole, è un inno alla diversità, ai valori e alla gentilezza, come dice il preside Kiap.
Ci lascia con un sorriso, con un senso di rivalsa e insieme un velo di tristezza perchè la verità è che August non si trasformerà mai da brutto anatroccolo a cigno. Semplicemente è nato così, è successo a lui ma poteva capitare a chiunque di noi e come esseri umani dobbiamo fare tutto il possibile per rendere il suo percorso in salita un po' meno faticoso. E' il minimo che possiamo fare. Perchè siamo stati molto fortunati.
E August, tutti gli August di questo mondo, sono degli esseri umani "meravigliosi".

venerdì 24 luglio 2015

Anteprime Sonzogno: settembre e ottobre

Buonsalve carissimi lettori, come state? Nei due giorni scorsi qui nel pomeriggio c'è stato un momento in cui mi si sono illuminati gli occhi. Mi sono messa a correre per casa spalancando tutte le finestre perché era tutto nuvoloso, tuonava e tirava un gran vento. Ho aperto tutto, ogni singola finestra sbatteva come una pazza ma non me ne fregava niente...io mi sono piazzata lì in mezzo godendomi quel vento leggermente più fresco...peccato che tutto si è concluso in circa 40 minuti, dopo di che siamo tornati al solito caldo afoso :( Sono al limite e non vedo l'ora arrivi qualsiasi perturbazione sia prevista, spero solo che dopo tutto questo caldo le pioggie non faranno dei danni :(
Il blog continua ad andare a rilento, ormai tutti ve ne siete accorti...credo che, a meno che il pargolo non decida di nascere prima, verso la metà di agosto vi saluterò per evitare di "abbandonare" il blog senza avvisarvi o salutarvi, mi dispiacerebbe molto.
Ma ora sono qui per parlarvi di alcune anteprime che vedranno la luce dopo queste ultime settimane estive...mi sto rendendo conto che probabilmente questo sarà l'ultimo post di anteprime che vi farò per un bel po' di tempo. Oggi non ho saputo resistere, ho ricevuto la mail dalla Sonzogno con tutte le loro novità dei mesi di settembre ed ottobre e dato che 3 di queste pubblicazioni mi interessano da morire, ho deciso di condividere questo desiderio di averli tra le mani insieme a voi, sperando di fare cosa gradita e di suggerirvi qualche nuovo interessante titolo :)

Titolo: E' la vita, Joy
Autore: Nell Dunn
Data di uscita: 10 settembre 2015
Prezzo: 15.00 €
Pagine: 128

Trama: Londra, anni Sessanta. Joy, detta Fiorellino, porta una finta coda di cavallo bionda, ha gambe magre su scarpe di camoscio dai tacchi alti, il corpo esile, i seni grossi. Non esce di casa senza le sue ciglia finte e i riccioli alla Cleopatra sistemati dietro le orecchie. A vederla passeggiare per strada guardando le vetrine, scherzando con le amiche, facendo battute sugli uomini, non si direbbe che la sua è una vita di stenti, costellata di guai. Si è sposata presto, Joy, con un rapinatore, attratta dall'avventura e dai soldi facili. Invece i soldi un giorno ci sono e quello dopo no. E quando suo marito finisce in prigione lei, rimasta incinta del piccolo Jonny, è costretta a crescerlo da sola. Eppure Joy non si arrende, anche perché a ventidue anni è ancora troppo giovane per rinunciare all'amore. Allora arriva Dave, di nuovo un poco di buono, così più affettuoso e divertente del marito da farla sentire una regina anche quando se ne stanno soli tra quattro mura a fumare, suonare la chitarra o ascoltare le hit preferite alla radio. D'altra parte, poco importa che sia Dave il vero amore: quando le cose si mettono male anche per lui, povero cristo, ancora una volta Joy non intende rassegnarsi. E ora, più di prima, dovrà imparare ad arrangiarsi da sola, tra lavoretti precari, storie di una notte, sogni a occhi aperti, scelte difficili, ma anche la forza e la testardaggine di imparare.

Titolo: Florence Gordon
Autore: Brian Morton
Data di uscita: 17 settembre 2015
Prezzo: 17.50 €
Pagine: 320

Trama: Florence Gordon ha settantacinque anni e vive a Manhattan, ma non è certo una vecchia signora. È una femminista ebrea divorziata, una scrittrice scorbutica, un’attivista testarda e orgogliosa. Detesta la maggior parte delle cose che la gente trova piacevoli e ama mettere gli altri in difficoltà. Anche la famiglia è per lei un fastidio più che una rete di affetti. Florence sta lavorando alla sua settima fatica, un libro di memorie, e desidera solo restarsene a casa tranquilla, quando un importante articolo del New York Times la definisce “patrimonio nazionale”. Di colpo viene catapultata sotto le luci della ribalta e la sua vita prende un’accelerazione definitiva, obbligando Florence a uscire da quel filo spinato che aveva costruito attorno a sé. La situazione precipita appena i suoi “cari”, dalla lontana Seattle, si trasferiscono a New York: il figlio Daniel (che ha scelto di snobbare le orme letterarie dei genitori per diventare poliziotto), la nuora Janine (psicologa, pronta ad avere una storia con il suo capo) e la nipote Emily (che sta cercando di capire cosa fare di una problematica storia d’amore). Florence si sente sotto assedio e sarà costretta ad avere molti più contatti con il prossimo di quanti ne vorrebbe. Ma Florence è soprattutto una donna ironica e brillante e quindi, giorno dopo giorno, tra i quattro si intreccerà una commedia irresistibile e di raro divertimento, all’insegna di una crudele sincerità ma anche di una sorprendente complicità emotiva. L’anziana signora, i cui corrosivi commenti sono una sorta di “versione di Barney” al femminile, non risparmia niente e nessuno. E forse proprio per questo i personaggi che la circondano (e i lettori di questo libro) finiranno per affezionarsi a lei e a non poter più fare a meno della sua voce.


Titolo: La casa di Parigi
Autore: Elizabeth Bowen
Data di uscita: 8 ottobre 2015
Prezzo: 16.00 €
Pagine: 288

Trama: Siamo a Parigi, in inverno, la Grande guerra è finita da poco, aleggia sulla città un’atmosfera cupa e vischiosa. Alla Gare du Nord scende Henrietta, undici anni, con in mano la sua scimmietta di pezza. Viene a prenderla la signorina Fisher, un’amica di famiglia che la ospiterà per una intera giornata in un elegante appartamento, in attesa di farla ripartire per il Sud della Francia. In quella casa borghese, dal confortevole odore di pulito, Henrietta si imbatte in una gradita sorpresa: c’è un suo coetaneo, il fragile Leopold, avviato verso un futuro incerto. Tra i due bambini, estremamente sensibili e inquieti, dopo l’iniziale diffidenza, si accende la curiosità: di ciascuno nei confronti dell’altro, e di entrambi verso il misterioso mondo degli adulti. I due fanciulli, grazie agli indizi disseminati attorno a loro, rivivono, tra immaginazione e realtà, le tormentate storie d’amore dei grandi, in particolare quella scandalosa tra la madre di Leopold e il suo padre naturale. Acclamato come un classico al momento della pubblicazione (1935), La casa di Parigi, oltre a mettere in scena una rovente passione sentimentale, è un acuto studio psicologico e un esercizio di finezza letteraria sulla prima irruzione del dolore, sulla scoperta del sesso e sulla perdita dell’innocenza.

Cosa ne dite? Non sono super ispirevoli? *___* Se dovessi sceglierne uno così su due piedi non saprei proprio quale. Però ci ho pensato un pochino e quello che mi interessa di più in assoluto è Florence Gordon, la trama mi ispira alla follia e gli altri due sono a pari merito subito dopo :)
Voi cosa ne pensate? So che qui non siamo in molti ad amare le pubblicazioni un po' particolari della Sonzogno, ma spero di potermi confrontare con qualcuno di voi e magari di avvicinare qualche altro lettore a questa interessante casa editrice.

lunedì 20 luglio 2015

"Brilleremo tra un milione di soli" di Beth Revis

Buongiorno lettori, come state? Un'altro weekend è passato, un'altra settimana è iniziata...siamo già verso la fine di luglio e sinceramente quest'anno non vedo l'ora che l'estate finisca, sono allo stremo delle forze a causa di questo caldo che col pancione è mille volte peggio ç___ç
Per fortuna oggi sono riuscita a trovare tempo in mattinata per scrivere una recensione e per correre a pubblicarla qui sul blog, ma ovviamente ho già il mio federe compagno ventilatore qui a pochi metri da me che mi tiene compagnia.

Oggi vi parlo di un libro che ho aspettato tanto, che poi ho smesso di aspettare convincendomi a comprarlo in lingua, ma che magicamente alla fine è arrivato anche da noi in Italia. Vi parlo di Brilleremo tra un milione di soli di Beth Revis, secondo libro della serie Across the Universe.


Trama: Sono passati tre mesi da quando Amy è stata risvegliata dal suo sonno di ghiaccio: ormai sta dimenticando com'era vivere sulla Terra e ovunque guardi vede solo le pareti di metallo della nave spaziale Godspeed. Ma forse c'è una speranza: adesso è Elder ad avere il potere. II ragazzo che ormai ha imparato a conoscere, di cui si fida e per cui non può negare di provare una forte attrazione. Ed Elder è un capo molto diverso dai precedenti: non vuole più mentire agli abitanti della nave. Ci sono ancora molte verità, però, che lui per primo non conosce e che aspettano di essere dette: quanto monca davvero prima di atterrare su Terra-Centauri? E cosa è successo durante l'Epidemia che ha decimato gli abitanti della nave? Elder e Amy dovranno scoprire insieme il segreto che si nasconde tra le pareti della Godspeed. Mentre a ogni passo rischiano di accendersi focolai di rivolta sulla nave, e anche se il loro amore rischia di distrarli dai pericoli che li circondano...



Serie "Across the Universe":
#1 Io e te oltre le stelle (2015) - Across the Universe (2011)
#2 Brilleremo tra un milione di soli (2015) - A Million Suns (2012)
#3 Inedito - Shades of Earth (2013)

Rating:

venerdì 17 luglio 2015

"The Queen of the Tearling" di Erika Johansen

Buon pomeriggio a tutti lettori, anche oggi ho rischiato di non riuscire ad essere qui insieme a voi, infatti ultimamente sono tornata ad avere problemi con il pc (ormai non ne posso più ç__ç) e sono giunta ad una conclusione: inizierò a mettermi da parte un po' di soldini ogni mese fino a quando non avrò la giusta somma per comprare un pc nuovo, perché così proprio non si può andare avanti :(
A parte questo posso dirvi che fa caldo (evviva l'ovvietà Alessia xD), ma credo ci troviamo un po' tutti nella stessa situazione, poco fa una mia amica mi ha fatto sapere che qui dalle mie parti ci sono 41-42 gradi, io non posso confermare perché sono tappata in casa e l'unico motivo per cui uscirò verso metà pomeriggio sarà per fare la passeggiata col mio cagnolino, ma solo perché sono costretta, altrimenti starei chiusa in casa fino verso le nove di sera... °___°

Oggi combatto contro caldo e computer malfunzionante per pubblicarvi la recensione di un libro uscito in Italia da pochissimo e che sta già facendo parlare di sé. Vi parlo di The Queen of the Tearling di Erika Johansen nella bellissima edizione portata in Italia dalla Multiplayer, che ringrazio per avermi dato la possibilità di leggere il romanzo.

Trama: Il giorno del suo diciannovesimo compleanno, la principessa Kelsea Raleigh Glynn, cresciuta in esilio, intraprende un pericoloso viaggio verso il castello in cui è nata, per riprendersi il trono che le spetta di diritto. Determinata e coraggiosa, Kelsea adora leggere e non somiglia affatto a sua madre, la fatua e frivola regina Elyssa. Protetta dal gioiello del Tearling uno zaffiro blu dagli straordinari poteri magici - e difesa dalla Guardia della Regina - un gruppo scelto di cavalieri guidato dall'enigmatico e fedele Lazarus - Kelsea ha bisogno di tutto l'aiuto possibile per sopravvivere alle cospirazioni dei nemici, che proveranno a impedire la sua incoronazione con agguati, tradimenti e incantesimi di sangue. Una volta diventata regina, e nonostante il nobile lignaggio, Kelsea si dimostra troppo giovane per un popolo e un regno dei quali sa ben poco, oltre che per gli orrori inimmaginabili che infestano la capitale. Kelsea deve scoprire di quale tra i suoi servitori fidarsi, perché rabbia e desiderio di vendetta si annidano fra i nobili di corte e perfino fra le sue stesse guardie del corpo. La sua missione per salvare il regno e compiere il suo destino è appena cominciata: Kelsea sarà chiamata ad affrontare un viaggio alla scoperta di se stessa e una prova del fuoco che la farà diventare una leggenda... se solo riuscirà a sopravvivere!

Serie "The Queen of the Tearling":
#1 The Queen of the Tearling (2015) - The Queen of the Tearling (2013)
#2 Inedito - The Invasion of the Tearling (2015)
#3 Inedito

Rating:

martedì 14 luglio 2015

Leggere in inglese? Intanto pensiamo alla wishlist ^_^

Rubrica a cadenza casuale inventata da me. Ha la scopo di riunire in un unico gruppo
chiacchiere, tag e qualsiasi cosa di cui ho voglia di parlare che esula da altre rubriche.

Buon pomeriggio miei amati lettori, ormai il blog è quasi abbandonato a sé stesso. Chiedo scusa a tutti voi, ma davvero la mia voglia di combinare qualcosa diminuisce di giorno in giorno...poi "lavorare" al blog con il ventilatore sparato in faccia non è il massimo della comodità, ma non lamentiamoci dai °___°
Il post di oggi è nato nella mia mente così, dal nulla, infatti avrei dovuto pubblicare una recensione, ma mi sono ritrovata su Goodreads a creare un nuovo scaffale in cui ho inserito in 20 minuti circa una ventina di libri...così ho pensato che sarebbe stato carino parlarne con voi :3
PS: La dicitura Talk that Talk (che sarebbe il nome della rubrica) non compare nel titolo del post perché sarebbe venuto troppo troppo lungo ;)

Partiamo dagli albori, giusto così, per aumentare un po' di più la mole di parole da leggere per voi xD
Oggi ero a cazzeggiare su Facebook quando mi è comparsa la meravigliosa notizia:  
HEIR OF FIRE (terzo libro della serie di Sarah J. Maas) VERRA' FINALMENTE PORTATO IN ITALIA NEL 2016
uesta splendida notizia ha smosso in me non so bene che sensazione, a parte la gioia ovviamente, questa sensazione mi ha spinto ad andare a curiosare su Goodreads (la nostra rovinaaaaaa °_°)...forse ho iniziato a pensare che ci sono tante serie interrotte che invece vorrei vedere portate avanti, che ci sono tanti libri che meriterebbero mille volte più di altri di essere tradotti e invece noi italiani dobbiamo attaccarci sempre al tram (o quasi sempre). Fatto sta che ho pensato di creare questa lista di libri in inglese, che ho semplicemente chiamato "ENG wish" in cui ho riunito tutti i libri in lingua che vorrei leggere. Ci sono sia libri di autori che già conosco e di cui ho già letto qualcosa in italiano, ma ci sono anche autori che non conosco e che ho deciso di mettere in wishlist solo grazie all'istinto e al parere di lettrici fidate.
In questo post ho intenzione di farvi vedere i primi libri che oggi ho messo in questa lista...sono 22, ma vi metterò solo le cover e un mio piccolo pensiero, niente trama o scheda tecnica, altrimenti mi vorrebbero pagine e pagine per raccontarvi tutto di ogni libro xD Ovviamente lo scopo di tutto non è solo "farvi vedere cosa ho aggiunto", ma anche avere pareri da voi. So che in moltissimi leggete in inglese e vorrei sapere cosa ne pensate dei libri che ho deciso di mettere in wishlist, così da sapere se sarà facile leggerli o se dovrò arrivare a mettermi realmente il cuore in pace.
Ci tengo a precisare che non sono proprio nuova nuova nella lettura in inglese...finora ho letto con facilità e senza particolari intoppi Hex Hall e Aristotle and Dante Discovered the Secrets of the Universe. Vi ho scritto questo per farvi capire bene o male qual è il mio livello di inglese e darvi modo di offrirmi un consiglio giusto e non lanciato a casaccio, perché ci tengo molto :)


Ci ho messo tipo due ore a fare questo post per colpa del mio cacchio di computer del cavolo che si impalla in continuazione, ho un diavolo per capello e i nervi a fior di pelle...sappiate che se non riceverò almeno un paio dei vostri consigli avrete sulla coscienza il mio trasferimento in manicomio. E adesso passo e chiudo che mi si è fritto il cervello ç_____ç

venerdì 10 luglio 2015

Shopping Books #15

Buon pomeriggio ragazzi, so che ultimamente il blog è un po' ripetitivo, ma pubblico quello che mi va di pubblicare e quello di cui ho bisogno di parlarvi. Recensioni e Shopping Books ecco cosa vi fa compagnia ultimamente, ogni tanto abbiamo una veloce capatina del Readings Recap, ma per il resto è tutto qui :)
Oggi vi presento gli ultimi libri arrivati sui miei scaffali, ma dopo questa puntata credo proprio passerà un bel po' di tempo prima che vi presenti un altro Shopping Books perché ho intenzione di non richiedere più libri alle CE fino a quando non sarò sicura che potrò leggerli in tempi brevi e sicuramente anche con gli acquisti ci darò un taglio...diciamo che sarò presa da altro (vedere discorso fatto ieri sempre qui sul blog xD).
Rubrica a cadenza casuale inventata da me, dove vi presento tutti i nuovi arrivi suoi miei scaffali.


Vi avviso che nella puntata di oggi, alla fine, ci sarà un mini-speciale fotografico dedicato ad uno dei libri che vedete in foto (e secondo me immaginate anche quale xD), per questo speciale dobbiamo dire grazie alle mie scarse capacità di fotografa, ma soprattutto diciamo grazie al dito di mia figlia che mi ha aiutato a tenere fermo il libro ribelle xD Aaaaah, giusto e non dimenticate di notare le mie bellissime lenzuola super sgualcite, mi raccomando è un dettaglio che non potete trascurare u.u
Le foto sono due perché la prima che vedete contiene i libri che ho comprato su Libraccio più uno comprato tramite Facebook, mentre la seconda foto contiene i libri che mi sono arrivati grazie alle case editrici (come sempre un inchino per ringraziare dal profondo del cuore).

giovedì 9 luglio 2015

"Half Wild" di Sally Green

Buonasera lettori, torno a questo orario inconsueto per me, ma almeno adesso c'è un po' più fresco e lo schermo del pc non mi frigge il cervello e gli occhi :)
Dunque, prima di passare alla recensione, volevo chiarire un paio di cosette e spero non sarò troppo logorroica xD

E' passata esattamente una settimana da quando sono riuscita a scrivere un post sul blog e a partecipare attivamente. Purtroppo proprio giovedì scorso, di sera, io e il mio moroso abbiamo ricevuto una brutta notizia, un lutto nella sua famiglia ci ha "costretto" a partire in fretta e furia la stessa notte. Siamo stati giù al suo paese fino a lunedì sera e nonostante avessi a disposizione il portatile, non me la sono sentita di mettermi  scrivere recensioni o pubblicare "cose" sul blog. Ho giusto risposto a qualche commento perché non volevo rimanere di nuovo indietro. Inoltre, se alla situazione già di per sé particolare, ci aggiungiamo che è arrivato il caldo torrido e massacrante, ecco che capirete come mai sono scomparsa. Mi dispiace molto avervi abbandonato, ma non me la sentivo proprio ed anche in questi ultimi tre giorni (da quando siamo tornati) a causa del caldo non ho mai acceso il pc, anzi, anche solo sentir parlare di pc o tv o qualsiasi dispositivo che emana calore, mi fa sudare mille camicie. Oggi è un po' più fresco, ma le cose non cambiano poi molto.
E per concludere, la data presunta del parto si avvicina sempre più, gli ultimi preparativi iniziano a diventare necessari e pressanti, io sono sempre più stanca e svogliata, la mia testa vola verso altri lidi completamente diversi dalla vita virtuale, infatti in questo periodo leggo anche meno. In teoria dovrei partorire il 24 agosto, ma io sono convintissima che partorirò prima, infatti dopo l'ultimo post della Lega dei Lettori voglio fare un post in cui spiegherò in modo molto semplice perché potreste vedermi scomparire da un giorno all'altro :)
Bene, ho finito di raccontarvi i cavoli miei e mi viene quasi da pensare che potevo fare un post a parte, ma va beh, voi cercate sempre di capirmi, non ci sto con la testa xD
Ho deciso di rimpicciolire questa parte proprio perché non c'entra una cippa con i libri e perché mi sono resa conto che non a tutti può interessare la mia vita privata o le motivazioni, probabilmente molti di voi salteranno subito alla recensione del libro :)

Adesso un'altra cosa, prima di lasciarvi la recensione vera e propria...alcuni di voi si saranno accorti che nell'ultimo periodo pubblico quasi esclusivamente recensioni di libri appena conclusi e che mi sono stati inviati dalle case editrici...anche questa "stranezza" si ricollega alla mia gravidanza, infatti vorrei evitare di partorire e ritrovarmi con case editrici che attendono mie recensioni, oppure libri da leggere "per forza" per le stesse case editrici. Ecco perché anche oggi vi pubblico una recensione ed ecco perché è la recensione di un libro concluso giusto ieri.
Vi parlo di Half Wild di Sally Green, pubblicato da Rizzoli, secondo libro della serie iniziata lo scorso anno con Half Bad.



Trama: Il mondo sta cambiando. I capi degli Incanti Bianchi mirano a sterminare i Neri. Per contrastarli nasce un'Alleanza in cui Neri, Bianchi e Mezzo Sangue combattono fianco a fianco. Nathan viene invitato a farne parte, ma prima deve ritrovare Annalise che è prigioniera, perché liberarla gli sta più a cuore di tutto il resto. Annalise, il grande amore di Nathan, appartiene a una famiglia di Bianchi che lo odia. Nathan è convinto di potersi fidare di lei, ma ha ragione di farlo, oppure dovrebbe ascoltare i dubbi dell'amico Gabriel? Conteso tra Annalise e Gabriel, Nathan lo è anche tra la sua natura bianca e quella nera, tra il desiderio di vedere Marcus, suo padre, e il timore. L'Alleanza sarà il pretesto per ritrovare il suo temibile genitore. Scoprire quell'uomo che nella sua vita è sempre stato assente sarà la grande sfida personale di Nathan.



Serie "The Half Bad Triogy":
#0.5 Inedito - Half Lies (2014)
#1 Half Bad (2014) - Half Bad (2014)
#2 Half Wild (2015) - Half Wild (2015)
#3 Inedito - Half Lost (Marzo 2016)

Rating:

giovedì 2 luglio 2015

"Fiore di fulmine" di Vanessa Roggeri

Buonasera miei cari lettori, orario inconsueto per me questo, ma intanto che aspetto che si finisca di scaricare un'episodio di una serie tv che ho in download, ne approfitto per intrattenermi con voi.
In questo periodo continuo ad essere assente, ma è davvero più forte di me, faccio molta molta fatica a stare davanti al pc con il caldo soffocante che fa. Anche stasera, ad esempio, sono qui davanti ma ci sono ancora 30 gradi e se non fosse per il ventilatore sarei già sciolta sopra la tastiera ç___ç

Stasera voglio lasciarvi un'altra recensione (sono un po' ripetitiva, lo so, abbiate pazienza), di un libro che ho letto recentemente e che ho amato moltissimo. Vi parlo di Fiore di fulmine, seconda fatica letteraria di Vanessa Roggeri.

Trama: È quasi sera quando all'improvviso il cielo si fa livido, mentre enormi nuvole nere galoppano a oscurare gli ultimi raggi di sole. Da sempre, la prima cosa da fare è rintanarsi in casa, coprire gli specchi e pregare che il temporale svanisca presto. Eppure la piccola Nora, undici anni e il coraggio più scellerato che la gente di Monte Narba abbia mai conosciuto, non ha nessuna intenzione di mettersi al riparo. Nora vuole sfidare il vento che soffia sempre più forte e correre sulla cima della collina. È appena arrivata sotto una grande quercia quando un fulmine la colpisce sbalzandola lontano, esanime. Per tutto il piccolo villaggio sardo dove è cresciuta, la bambina è morta. Ma non è quello il suo destino. Nora riapre i suoi enormi occhi verdi, torna alla vita. Il fulmine le ha lasciato il segno di un fiore rosso sulla pelle bianca e la capacità di vedere quello che gli altri non vedono. Nella sua famiglia nessuno la riconosce più. Non sua madre, con cui amava ricamare la sera alla luce fioca di una candela, né i suoi fratelli, adorati compagni di scorribande nei boschi. C'è un nome per quelle come lei, "bidemortos", coloro che vedono i morti, e tutti ne hanno paura. Nel piccolo paese non c'è più posto per lei. La sua nuova casa è Cagliari, in un istituto per orfanelle, dove Nora chiude la sua anima in un guscio di dolore, mentre aspetta invano che qualcuno venga a prenderla.

Rating:

martedì 30 giugno 2015

"Bunker Diary" di Kevin Brooks

Buongiorno a tutti, siamo già all'ultimo giorno di giugno e anche questo mese se ne è andato tra settimane soffocanti e ustionanti e settimane quasi fredde e piovose; con letture soddisfacenti e nuovi interessi verso alcune serie tv (almeno da parte mia xD). Chissà come sarà luglio? Io spero sempre che il caldo non esageri perché la pancia si fa sentire, spero che le letture continueranno così anche se sicuramente diminuirò i miei ritmi e spero continuerò ad avere tempo e voglia di seguire le serie tv che ho iniziato ad apprezzare.

Oggi direi che posso piantarla di chiacchierare quasi a vanvera e parlarvi del super-protagonista. Vi parlo di Bunker Diary di Kevin Brooks, pubblicato da Piemme nella collana Freeway.




Trama: Linus, sedici anni, insieme a quattro adulti e una ragazzina di nove, si trova intrappolato in un bunker, uno spazio claustrofobico da cui nessuno può fuggire. Sono stati rapiti da qualcuno che si è presentato loro ogni volta in modo diverso e non sanno perché sono stati scelti. Spiati da decine di telecamere e microfoni perfino in bagno, dovranno trovare un modo per sopravvivere. "Bunker Diary" è un incubo da vivere sulla propria pelle attraverso le pagine del diario di Linus, in un'escalation di umiliazioni, meccanismi perversi e violenza fisica e psicologica innescati "dall'uomo di sopra"...








Rating:

domenica 28 giugno 2015

Shopping Books #14

Buooooondì splendidi e solari lettori e buona domenica. Ieri siamo andati a fare le ultime spese per l'ospedale e il parto, speriamo di non esserci dimenticati niente, sarebbe il colmo ahahahah
Ultimamente sono molto più dolorante, è tornata a farsi sentire quella bestia del mal di schiena, purtroppo ç____ç
Ora però, mente aperta e libera: si parla di LIBRIIIIIIIII *_*
Rubrica a cadenza casuale inventata da me, dove vi presento tutti i nuovi arrivi suoi miei scaffali.

Avevo promesso che non avrei più comprato niente? E così è stato, sono stata braverrima u.u
I libri che vedete sono praticamente tutti omaggi delle case editrici (che ringrazio sempre di cuore), a parte Unbreakable che è frutto di uno scambio fatto sul sito SoloScambio. Sono stata brava o no? Perché tirando le somme a giugno mi sono arrivati "solo" 5 libri, io sono davvero fiera di me u.u
E vedete il segnalibro? E' quello che ho vinto grazie alla Lotto Reading Challenge, davvero carinissimo *_*


venerdì 26 giugno 2015

Lega dei Lettori: CONDOMINIO R39 di Fabio Deotto

Buongiorno lettori della Lega, come state? Siamo giunti alla penultima lettura, perché la lettura che andremo ad affrontare a luglio sarà l'ultima di questa bella esperienza fatta con tutti voi. Non so come farò a creare l'ultimo post, quello dei ringraziamenti perché già mi vengono le lacrimucce di emozione.
Non voglio rubare altro tempo al libro protagonista di oggi. Purtroppo questa lettura non è stata intrapresa da molti di noi, un po' mi è dispiaciuto e un po' me lo aspettavo perché so che il thriller non è un genere apprezzato da molti che seguono il blog.

Nel mese di giugno abbiamo letto CONDOMINIO R39 di Fabio Deotto, suo libro d'esordio molto particolare. Noi quattro gatti che lo abbiamo letto, senza volerlo ci siamo trovati abbastanza d'accordo sulla votazione da dare, dunque non vedremo grandissime differenze nel rating, ma sicuramente i pensieri saranno differenti :) Avrete poche recensioni da leggere e poche citazioni, ma spero comunque sarete incuriositi e lascerete il vostor pensiero.


C'è qualcosa di vischioso nel Condominio R39. Un'aria viziata che toglie il respiro. Varcarne la soglia è come entrare in una gabbia di cui solo i bambini possiedono le chiavi. Un vecchio biologo infermo ossessionato dalla decomposizione. Una giovane che lavora in un night club e il suo fidanzato, dediti a pratiche erotico-esoteriche. Un'ex attrice di grandi speranze la cui mente è ora preda di fantasmi. Un ragazzino di dieci anni oppresso dall'affetto morboso della madre. Sono gli inquilini di una palazzina di Milano dove si consuma un atto violento e all'apparenza inspiegabile. Delle indagini è incaricato un commissario dal passato oscuro e dal presente tormentato. La realtà prende forma un tassello alla volta, in un'atmosfera che si fa sempre più tesa, fino a comporre un mosaico gotico che costringe i protagonisti a fare i conti con ciò che davvero sono.




I nostri pensieri

★★★
Un'impostazione parecchio intricata che a me in particolare ha provocato moltissima confusione. Non è stato quindi uno di quei libri che sono subito entrati a far parte di me ma mi sono dovuta impegnare molto per riuscire a stare al passo con la trama e per non confondermi con la grande quantità di personaggi che lo popolano. Insomma, non è uno di quei libri che si possono leggere nei ritagli di tempo tra una cosa e l'altra, ma ha bisogno che l'attenzione gli sia dedicata completamente e in modo esclusivo.
Quello che di certo non si può sottovalutare è la storia: intricata - forse anche troppo - particolare, non banale e questi sono sicuramente pregi che hanno portato ad aumentere il punteggio che avrei dato al libro.
Bellissima l'ambientazione milanese che mi ha fatto ritrovare nel libro angoli della mia città che ho molto frequentato nella mia vita. Un buon esordio che può essere migliorato.